Regione Abruzzo
Alto Contrasto Reimposta
Area Protetta
Menu
Menu
Stemma
Organi Comunali
Uffici
Turismo
Amministrazione Trasparente
Albo Pretorio
Informazioni
Webcam

Flash Sindaco

I “Duchi alati” all’Arca di Noè
05/02/2024

I “Duchi alati” all’Arca di Noè

Nell’ambito della puntata domenicale dell’Arca di Noè, del 4 febbraio dopo il TG 5, è andato in onda il servizio “D...

Leggi di più
Tutti i Flash

Notizie

A Barrea una targa per le donne

Dopo la panchina rossa, inaugurata lo scorso 8 marzo, continua la campagna di sensibilizzazione dell'Amministrazione comunale, r...

Pubblicato in: Pubblicazioni

24/11/2023

04/11/2023

Commemorazione 80° Anniversario della morte del Capitano Medico Aldo Di Loreto

Pubblicato in: Pubblicazioni

Leggi di più
06/10/2023

ORARI DI APERTURA E DI RICEVIMENTO TELEFONICO DEGLI UFFICI COMUNALI

Pubblicato in: Pubblicazioni

Leggi di più
30/09/2023

Censimento Istat 2023

Pubblicato in: Pubblicazioni

Leggi di più
28/09/2023

Centenario del Parco, evento conclusivo alla Reggia di Venaria

Pubblicato in: Pubblicazioni

Leggi di più
09/08/2023

La "Guest Card del Parco"

Pubblicato in: Pubblicazioni

Leggi di più
09/08/2023

Un navetta territoriale e una locale al servizio del territorio dell'Alto Sangro

Pubblicato in: Pubblicazioni

Leggi di più
Tutte le notizie

NOTIZIE PER ARGOMENTI

Emergenza Covid-19
Flash Sindaco
Pubblicazioni

Utilità

Amministrazione Trasparente
Albo Pretorio
Servizi al cittadino
Delibere
Determine
Regolamenti
Calcolo IMU
Pubblicazioni di matrimonio
Cambio Residenza

"Una strada col selciato sconnesso e antico non è niente, è un'umile cosa, non si può nemmeno confrontare con certe stupende opere d'arte della tradizione italiana. L'antica porta dove conduce quella strada non è quasi nulla, sono delle mura semplici, dei bastioni dal colore grigio: nessuno si batterebbe con rigore, con rabbia, per difendere queste cose. Invece io ho scelto proprio di difendere questo. scegliere la forma della città, la struttura, il suo profilo, significa proprio questo: voglio difendere qualcosa che nessuno difende, che è opera del popolo, di un'intera storia del popolo di una città, di un'infinità di uomini senza nome che però hanno lavorato all'interno di un'epoca che poi ha prodotto i frutti più estremi e più assolutinelle opere d'arte e d'autore. Con chiunque parli, è immediatamente d'accordo con te nel dover difendere un monumento, una chiesa, la facciata d'una chiesa, un campanile, un ponte, un rudere il cui valore storico è oramai assodato ma nessuno si rende conto che quello che va difeso è proprio questo passato senza nome, questo passato popolare."

Pier Paolo Pasolini